PARMA TRA STORIA E PRESENTE (Parte 2)

Abbiamo iniziato raccontando un po’ delle storie di questa bellissima città ora dobbiamo concentrarci sulla storia del GranDucato che è stato il momento di maggiore splendore di questa medievale città.

PARMA TRA STORIA E PRESENTE (Parte 2)
PARMA TRA STORIA E PRESENTE (Parte 2)

Dagli Antichi Romani ai Longobardi

Con la progressiva conquista del Nord Italia da parte dei Romani, nel 183 a.C. Parma divenne una colonia romana e ad ognuna delle 2.000 famiglie installate vennero affidati lotti di terra in prossimità della via Emilia, dalla quale, a est della città, partiva un cardo della centuriazione che si insinuava lungo la valle del torrente Parma, dando origine alla strada delle cento miglia, che collegava Parma a Luni attraverso il passo del Lagastrello. Col trascorrere degli anni, la fedeltà dimostrata nei confronti dell’Impero valse alla città il titolo di Augusta Parmensis.

In tempi successivi, la crisi dell’Impero Romano causerà anche a Parma la perdita di una certa stabilità e floridezza economica fino al culmine di una decadenza demografica, che nel 377 obbligò l’imperatore Graziano a stabilire nella zona una tribù di barbari, i Taifali. Seguirono periodi di alternanza tra benessere e decadenza: ai saccheggi di Attila del 452, si contrappose, dopo il 502, la rinascita ad opera di Teodorico; alle successive conseguenze drammatiche causate dalle guerre gotiche ci fu nuovamente il rifiorire durante il breve periodo bizantino (539-568), che valse a Parma l’appellativo di “Crisopoli” (Città d’oro). Fu in seguito, con l’arrivo dei Longobardi nel 593, che Parma divenne per la prima volta un centro militare e amministrativo, la capitale di un ducato in cui risiedeva una delle figlie del re Agilulfo.

La Venuta dei Franchi

I Franchi succedettero ai duchi longobardi e nell’879 Carlomanno accordò al vescovo Guibodo il potere temporale sulla città. Ai saccheggi provocati nel IX secolo dalle invasioni dei Magiari, seguì un periodo di pace e crescita demografica. In questa fase Parma continuò ad essere governata da una lunga serie di conti-vescovi fino al XII secolo, quando la città divenne un libero comune, amministrato da un podestà e da un capitano del popolo. Nel 1160 Federico Barbarossa sottomise i parmigiani obbligandoli a dichiarare fedeltà all’Impero, ma l’autorità imperiale verrà sconfitta nella battaglia di Legnano del 1176 dalle città riunite nella Lega Lombarda (tra cui Parma).

La Venuta dei Franchi
La Venuta dei Franchi

Nel 1183 la Pace di Costanza ristabilì l’autonomia cittadina. Nella lunga contesa tra guelfi e ghibellini, che dominò la vita politica italiana dal XII al XIV secolo, Parma si schierò dapprima coi ghibellini, favorevoli all’Imperatore, e successivamente con i guelfi, dopo la battaglia di Borghetto del Taro (nei pressi dell’attuale Castelguelfo). Seguì un periodo di dominazione straniera: Parma fu sottoposta al dominio milanese dei Visconti dal 1346 al 1447, salvo un breve intermezzo, tra il 1404 ed il 1409, in cui il potere passa nelle mani di Ottobuono de’ Terzi. Ai Visconti, succederanno gli Sforza ma anche le dominazioni francesi.